Conosciamo AdBlue

adblue
10.06

Conosciamo AdBlue

Con AdBlue si inquina meno e si risparmia

Dal 1991 la Comunità Europea per regolamentare le emissioni inquinanti dei veicoli a motore diesel ha emanato diverse direttive “EURO“. Nel 2004, la direttiva antinquinamento denominata EURO 4 ha dato il là all’utilizzo di AdBlue sui veicoli pesanti e macchine movimento terra.

Successivamente, le direttive Euro 5 (2009) ed Euro 6 (2016) hanno indirettamente esteso la portata d’impiego di tale prodotto anche alle autovetture diesel da”tutti i giorni”, chiamate a rispettare parametri sempre più rigidi sulle emissioni e quindi anche a ridurre ulteriormente i volumi di gas inquinanti emessi (ossidi di azoto).

Entrando più nel particolare, AdBlue è il marchio detenuto dalla Verband der Automobilindustrie (VDA), l’associazione tedesca dei costruttori di veicoli. La VDA garantisce che gli standard qualitativi di costruzione dell’AdBlue siano mantenuti in conformità con la specifica ISO 22241, concedendone in licenza la produzione a varie aziende che soddisfano determinati requisiti (come Azotal).

Utilizzato nel sistema SCR, l’AdBlue riduce le emissioni degli ossidi di azoto presenti nei gas di scarico fino al 90%.

Cos è AdBlue?

Cos è allora AdBlue? AdBlue è una soluzione acquosa di urea al 32,5% ad elevata purezza, inodore, prodotta tramite un processo di sintesi. Il processo di sintesi rende questa sostanza non pericolosa: non è infiammabile e non è tossica.

AdBlue, inoltre, garantisce un riduzione dei consumi del 5%, migliora le prestazioni dei veicoli e mantiene in buone condizioni il motore diminuendo la frequenza di interventi di manutenzione.